Ciambella con albumi e gocce di cioccolata

Avete degli albumi tristi e soli in frigorifero oppure cioccolata da consumare? In periodo post-Pasqua capita, anche se a casa mia, in verità non capita mai! Ecco la soluzione per voi, una ciambella con albumi e gocce di cioccolato, squisita, morbida e volendo anche più leggera rispetto alle altre! Facile da preparare, io ho usato gocce di cioccolato per il motivo elencato sopra ma volendo voi potete utilizzare cioccolato ridotto in scaglie e residui dell’uovo di Pasqua. Aprite il frigorifero, estraete gli albumi e mettetevi all’opera, oppure segnatevi questa ricetta nel caso dovessero avanzarvi! 😉

ciambella con albumi e gocce di cioccolata

Ciambella con albumi e gocce di cioccolato

  • 200 gr di farina 00
  • 5-6 albumi (circa 200 gr)
  • 160 gr di zucchero semolato
  • 80 ml di olio
  • 50-60 ml di latte intero
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia o vanillina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 100 gr di gocce di cioccolata o cioccolato a pezzetti
  • 1 pizzico di sale

Procedimento

  • Montate gli albumi a neve ferma insieme ad un pizzico di sale. Quando cominciano ad ammorbidirsi aggiungere lo zucchero e continuare a montare.
  • Aggiungete la farina ed il lievito setacciati, in più riprese continuando sempre a montare.
  • Aggiungete l’estratto di vaniglia o vanillina, l’olio a filo continuando a montare fino ad amalgamarlo del tutto.
  • Aggiungere il latte e sempre con le fruste amalgamarlo del tutto.
  • Aggiungete le gocce di cioccolata fredde di freezer e leggermente infarinate e con movimenti leggeri incorporarle al composto.
  • Imburrate uno stampo a ciambella del diametro di 22-24 cm oppure una classica tortiera e cuocete in forno statico a 180° per 35-40 minuti. Fate la prova stecchino durante gli ultimi minuti di cottura e se necessario proseguirla.
  • Trascorso il tempo necessario, estraete la vostra ciambella con albumi e gocce di cioccolato dal forno, fate raffreddare e servite.

19 Risposte a “Ciambella con albumi e gocce di cioccolata”

  1. se trovi il tempo, ti farei una domanda
    anni fa, non so, dieci, mia cognata ha fatto una ciambella tutta fecola – senza farina – era buoooonissima. vorrei farla, ma non riesco a trovare la ricetta. mi sembra, che la sua era una ricetta paneangeli, ma non sono sicura. mi potresti aiutare?

    grazie

    1. Ciao Renata nello specifico non so ma vuoi vedere che è la torta Paradiso? Nel campo cerca sul mio blog scrivi il nome e la trovi! Se è questa è buonissima… fammi sapere 😉

      1. ciao, valentina. ho visto la tua risposta appena adesso. (strano, che il pc non mi ha mandato il mail della tua risposta…) grazie mille. ho trovato la ricetta della tua torta paradiso e la settimana entrante provero’ a farla. ci mettero’ il lievito per evitare la sorpresa della torta “sgonfiata”, ma penso pure io, che in questa ricetta il lievito e’ faccoltativo, dato che la montatura del burro e uova dev’essere perfetta.
        se mi viene come il buon dio manda, dopo provero’ a farla con 200 g di fecola (senza farina). penso, che dovrebbe venire anche cosi…o, mi sbaglio?
        tu che ne dici? il ricordo di mia ciambella e’ molto, molto friabile. se per caso sperimenterai tu stessa, fammi sapere.
        ma prima provo la tua ricetta. grazie di cuore. ti faccio sapere. e, naturalmente, ti auguro un felice natale con tante bonta’ sulla tua tavola.

      2. cara valentina
        ti ringrazio molto per la tua risposta. si, ho provato a fare la torta paradiso per due volte. la prima volta non si e’ gonfiata malgrado aggiungessi il lievito, la seconda volta e’ gonfiata, ma arrivando alla fine della cottura si e’ sgonfiata nel mezzo. siccome l’impasto viene molto solido, almeno a me, ho agginto anche il succo del limone gratuggiato.
        faccio a fatica ad aggiungere tutta la farina, perche l’impasto viene molto solido. forse sbaglio nella preparazione dello stesso?
        ciao, renata

        1. Ciao Renata parli della torta paradiso giusto? In questo caso credo che tu non monti per bene il burro, deve essere morbido e a temperatura ambiente e devi montarlo tantissimo fino a quando non diventa spumoso, in questo modo non sarà mai duro il composto. Fammi sapere 😉

  2. Buonissima!!
    Avrei una domanda.. Siccome abito da sola e di certo non mi mangio un ciambellone o un plumcake intero, secondo te dividendo le dosi dell’impasto (di questa e altre tue ricette) il risultato sarà lo stesso? Userei i miei fantastici stampi monoporzione!
    Grazie 🙂

  3. A me aggiungendo la farina agli albumi montati, pur continuando a montare con le fruste (come da ricetta) questi si smontano. La prima volta la torta è crollata al centro. Questa volta ho usato lo stampo a ciambella. È in forno e a prima vista sembra stia venendo bene. Ma comunque non fa effetto “chiffon” per capirci. Cosa sbaglio?

    1. Ciao Gabriela alla fine com’è venuta? Nello stampo a ciambella viene benissimo Non ha l’effetto di una Chiffon perché non lo è ma trovi la ricetta della Chiffon cake al cioccolato sempre sul mio blog. A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.